su Google

Dichiarazione di Successione

Nel ricordarvi che il nostro team è ben disposto a chiarire e dare il proprio parere su alcuni aspetti che riguardano le Dichiarazioni di Successione, volevamo ricordarvi che accedendo al sito potete acquistare il servizio in maniera molto semplice e spendendo assolutamente poco.

webmaster

messaggi (94)

scrivi il tuo messaggio, vai a pagina: 1 2 3 4 5

commento:   Staff Network Catasto, 03/01/2022 22:25:56  (ip:93.148.244.39)
Spettabile Alessio,
premesso che noi siamo dei tecnici e di casi similari ne vediamo tanti.
A nostro parere, visto che ne testamento non ci sono i riferimenti catastali specifici, foglio particella e subalterno che individuano inequivocabilmente l'unità immobiliare, con l'indicazione del de cuius "la mia casa" sembra più che chiaro che si intenda tutto il fabbricato, quindi casa e garage. Malignamente la controparte ha investito ben poco pagando poco di più la successione per mettervi il bastone tra le ruote.
Noi vi consigliamo:
1- Pubblicare il testamento facendo mettere dal notaio sia la casa che il garage, se ci fosse qualche notaio restio, cambiate notaio fino a trovare quello giusto.
2- Con una copia del testamento pubblicato fate un'istanza al catasto chiedendo di riportare il garage a nome del de cuius in quanto la successione xy è stata redatta in modo errato.
3- Sistemata l'intestazione al garage presentate la successione.
Nel caso la controparte volesse agire dovranno loro chiedere un giudizio, affrontare le spese iniziali e se perdono dovranno pagare tutte le spese.
Ci sarà mai un giudice che potrebbe dire che il de cuius aveva intenzione di separare la proprietà della casa con quella del garage? A nostro parere no.
commento:   alessio, 03/01/2022 18:49:41  (ip:5.170.40.176)
Gentilissimi membri del forum,

un mio cugino di quinto grado ha lasciato con testamento olografo a me e mio fratello in eredità una villetta, composta da immobile, box e giardino di grandi dimensioni.

All'apertura del testamento dal Notaio, l'avvocato che ci segue per la successione, ci fa notare che in base all'articolo del cc. 588 secondo comma, in quanto usava la formula nel testamento "il sottoscritto dispone di lasciare in eredità' alla sua morte la casa di mia proprietà alle seguenti persone: Rossi Luca e Rossi Andrea" (nomi di fantasia per indicare me e mio fratello), sosteneva che con quella formula indicava noi come eredi non solo a titolo particolare, ma anche a titolo universale in base alla tesi della Vis Espansiva secondo il principio dell'Institutio ex re certa.

Questo al fine di poter pretendere una nostra quota anche sul lascito bancario del de cuius, che escluse le polizze nominali, si aggira sui €200.000;

Il notaio invece dal quale avevamo aperto il testamento si era dimostrato piuttosto freddo su quell'interpretazione, e dopo un anno nel quale tre cugini, eredi legittimi in quanto di un grado superiore al nostro, non si sono smossi di un centimetro, abbiamo preferito rinunciare su tale interpretazione per chiudere quanto prima la vicenda e poter presentare una dichiarazione di successione condivisa.

Adesso però questi cugini hanno inserito nella loro dichiarazione di successione anche il box, perchè non espressamente citato nel testamento. Noi abbiamo sempre pensato fosse una pertinenza e il nostro avvocato ci ha detto, che questa e' la nostra interpretazione e loro evidentemente ne fanno un'altra.

Il nostro avvocato e' riuscita a vedere che tramite visura, a luglio 2021 questi tre cugini hanno fatto la dichiarazione di accettazione espressa da un altro Notaio.

Il nostro avvocato ci aveva proposto inizialmente quando ancora non si era paventato il problema relativo al box, la mediazione giudiziale presso il tribunale per i soldi in banca, cosa che avevamo scartato visto che dopo un anno di tentativi, non si erano smossi e la nostra intenzione era quella di chiudere la vicenda quanto prima.


Successivamente a fine novembre 2021, il nostro avvocato ci ha comunicato che questi cugini hanno fatto un atto di dichiarazione espressa di accettazione di eredita' a luglio e hanno presentato una dichiarazione di successione presso un Notaio che pero' ancora deve essere restituita dalla Agenzia delle Entrate.

Ora le strade che ci ha prospettato sono 3:

- o la rinuncia al box, presentando anche noi una dichiarazione di successione che chiude la vicenda, ma complica notevolmente le cose perché' poi quando dovremmo vendere l'immobile ci dovremmo accordare anche con loro per il box, oppure comprarlo da loro, con relativa spesa...

- o rivolgersi in giudizio presso un organo giudicante per farci riconoscere il box come pertinenza...

- o tentare una mediazione sempre per il box al tribunale e intanto fare la nostra dichiarazione di successione che ci permette di ereditare l'immobile per me e mio fratello.

Tutto è nato dal fatto che all'apertura del testamento sia il notaio che il nostro avvocato non hanno mai menzionato che il box cadesse nella legittima, avevano sempre dato per scontata la pertinenza del box all'immobile, anzi il nostro avvocato si è concentrata maggiormente sui soldi in banca in base alla vis espansiva, che sul punto relativo al box.

Quando poi ho chiesto, ipotizzando, avremmo potuto fare noi una dds antecedente alla loro, in cui noi ci saremmo dichiarati eredi testamentari della casa e del box, il nostro avvocato ci ha risposto che nessun notaio ce l'avrebbe mai fatta perché' il box non essendo citato nel testamento, cadeva nella legittima....ovviamente ad averlo saputo fin dall’inizio, avremmo agito in maniera diversa, solo l'abbiamo scoperto a fine novembre 2021 quando ormai la dds di questi cugini era stata presentata.

Pertanto il mio quesito e’: ha utilita’ sottoporre i cugini alla mediazione in tribunale oppure, visto che e’ loro facolta’ non presentarsi, rimane uno spreco di tempo e di denaro?

Se invece decidessimo di rivolgerci ad un organo giudicante, in base al principio di tutela delle volonta’ del de cuius, la nostra richiesta di riconoscimento del box e’ fondata? Tenendo conto che nel testamento le uniche due persone citate sono io e mio fratello e con il termine casa, si intende chiaramente tutto il complesso immobiliare al quale il box appartiene.

Chi volesse indicare un proprio parere, sarebbe ben accetto e gradito, grazie
commento:   sergio barbiero, 26/10/2021 15:45:57  (ip:93.149.132.178)
la pratica di successione , da me presentata nel 2020 è stata scartata per"identificativi catastali non coerenti".Per 2 appartamenti il nominativo della mia defunta moglie D'Orso Carolina è lo stesso per il 3°( nel comune di Minturno ) è riportato D'Orso Carolina Matrona. C'è da precisare che il codice fiscale e i dati anagrafici sono gli stessi. cosa dovrei fare?
commento:   Ezio Ruocchio, 27/09/2021 14:43:50  (ip:5.90.108.239)
Salve. Io e mio fratello siamo unici eredi di 4 immobili tutti intestati ai nostri genitori deceduti nel 2016. Dei 4 immobili, due sono svincolati da ipoteca e e per gli stessi abbiamo una causa in corso con la banca (per anatocismo) e siamo in attesa di sentenza definitiva.
Volevamo sapere (abbiamo avuto più risposte contrastanti) se possiamo fare la successione di uno solo dei due immobili liberi da ipoteche e da qualsiasi altro vincolo (successione parziale) perché vorremmo venderlo e in un secondo momento, non appena si definirà la causa in corso, procedere anche ad effettuare le succesioni degli immobili restanti.
Grazie
commento:   Pietro Saija, 17/08/2021 16:04:25  (ip:87.26.137.136)
Buon pomeriggio, devo presentare per un mio cliente una dichiarazione di successione. Mi pongo un problema. Come vengono tratte le spese delle case di cura del de cuius?
Mi hanno fornito una fattura per "spese di degenza". dove va inserita, se va inserita.

Grazie mille
commento:   Network Catasto, 09/08/2021 12:14:18  (ip:148.253.21.132)
Per avere una copia della successione occorre che un erede o suo delegato si rechi presso l'Agenzia delle Entrate, ufficio successioni, e ne faccia richiesta.
Non è possibile richiederla online.
commento:   flavia adamo, 07/07/2021 09:50:28  (ip:158.102.162.36)
buon giorno, i miei genitori sono deceduti nel 2019 a distanza di 1 giorno pertanto il notaio ha presentato 2 successioni.
La prima da mio papà a me e mia mamma è stata registrata
la seconda da mia mamma a me no. Pertanto gli immobili del territorio di messina sono ancora intestati a tutte e due.
I protocolli telematici delle successioni sono:
Adamo Egidio 20110216271742357
Bondi Maria 20111011515065404

Cosa posso fare per sollecitare?
commento:   Giovanni Maria Moncada, 09/06/2021 14:47:25  (ip:151.22.164.38)
Buongiorno,
la denuncia di successione di mia madre viene scartata per "identificativi catastali non coerenti".
Tuttavia i dati indicati sono identici alle risultanze catastali scaricate dal sito dell'Agenzia delle Entrate ed il tecnico del comune in cui insiste il fabbricato mi ha confermato la correttezza dei dati.
Sarebbe possibile essere contattati per un riscontro?
Grazie
commento:   Alessandro Carboni, 17/05/2021 20:00:25  (ip:151.28.80.123)
Buon giorno, scrivo da Roma
Ho dovuto procedere all'invio di una dichiarazione di successione integrativa ante 2006.
Ho inviato tutto all'Agenzia Entrate e ricevuto la dichiarazione di successione integrativa protocollata.
Ho proceduto poi all'invio il 12/05/2021 a mezzo pec all'ufficio territoriale "up_roma1@pce.agenziaterritorio.it"
di dichiarazione di domanda di voltura elaborata dal software VOLTURA1.1 completa di tutti i documenti
per richiedere la modifica catastale derivata dalla successione.
Ad oggi 17/05/2021 non ho ricevuto risposta, vorrei sapere se ho seguito l'iter corretto
ringrazio anticipatamente
Alessandro Carboni
commento:   Vincenzo Di Riso, 21/04/2021 20:35:32  (ip:47.53.173.85)
Ho trasmesso telematicamente una dichiarazione di successione e mi dava anomalie riscontrate per identificativi catastali non coerenti. Mi è stato evidenziato all'Agenzia che la de cuius non aveva al catasto attribuita la quota dell'immobile oggetto della successione. Ho chiesto al Catasto la rettifica ed è stata attribuita la quota corrispondente alla piena titolarità. Ciononostante al rinvio della dichiarazione mi da lo stesso errore.Non riesco ora a capire dove sta il problema forse nella compilazione della sezione della dichiarazione ove vengono inseriti i dati catastali.
commento:   marisa cecoli, 16/04/2021 11:41:16  (ip:109.115.118.60)
buongiorno
ho presentato istanza di successione con richiesta di volture catastali nel 2019. Oggi chiedo un certificato catastale e non risultano le volture. L'agenzia delle entrate mi dice di sentire voi in quanto a loro risulta la voltura in data 5 aprile 2019. Mi sa dare indicazioni in merito? grazie mille
commento:   lepore antonio, 08/04/2021 12:02:46  (ip:82.57.146.103)
Buongiorno avrei bisogno di delucidazioni: in dichiarazione di successione on line le particelle "area urbana" di futura annessione (giardini di pertinenza di un abitazione, ovvero coorti), oltre che essere inserite in dichiarazione, vanno comunque "graffate" alla particella abitativa?
commento:   Roberta Gargaglia, 24/03/2021 12:09:18  (ip:80.181.200.50)
Buongiorno, a seguito della morte di mio padre in fase di successione, mio fratello,mia madre ed io in qualità di eredi andremmo ad ereditare una casa di abitazione dove abitano mia madre e mio fratello, una seconda casa non locata e dei terreni agricoli e alcuni terreni edificabili. Mio fratello invalido al 100%, disoccupato ,percepisce pensione di invalidità civile, mia madre soltanto la reversibilità . Domanda:se mia madre rinuncia alla eredita e rimaniamo eredi io e mio fratello, c è il rischio che la sua pensione venga tolta o ridotta? Se si quale potrebbe essere una soluzione alternativa? Grazie per l aiuto
commento:   DEBORAH LIBRINO, 08/03/2021 11:25:55  (ip:87.27.180.19)
Buongiorno,
ho depositato una successione online il giorno 23/12/2020. Il pagamento, per svariati motivi, è stato fatto il giorno 26/01/2021. Ad oggi la visura catastale non risulta aggiornata. Prego di contattarmi, per capire se è tutto ok.
commento:   Antonella Perazzo, 04/03/2021 13:20:43  (ip:2.228.33.254)
Buongiorno,

a seguito di una rettifica fatta alla successione, dopo la morte di mio padre Antonio Perazzo, abbiamo necessità di far correggere i dati catastali di un immobile ubicato nel comune di Torraca in provincia di Salerno. Essendo noi eredi residenti a Roma, possiamo procedere, anche utilizzando un servizio a pagamento, con un servizio online o è necessario prendere appuntamento in loco? Se è necessario l'appuntamento come possiamo prenderlo?
Grazie e saluti
commento:   Sergio Manzo, 28/02/2021 22:12:56  (ip:79.55.194.200)
Buongiorno, Ho una sorella residente in Gran Bretagna, che purtroppo ha perso il marito, e vuole sapere se è stato fatto la successione della suocera? Vorrei sapere come posso fare per sapere ed eventualmente avere copia. Vi ringrazio per l'attenzione. Cordiali Saluti.
commento:   geom. Bartolini Matteo, 27/02/2021 19:38:03  (ip:82.50.63.50)
Buon pomeriggio.
ho lo stesso problema di Leonardo Di Rosa.
cito il suo messaggio che ho lo stesso problema

richiedo gentilmente informazioni in merito alla ricevuta di scarto di una dichiarazione di successione, poiché le anomalie riscontrate riguardano i dati catastali non coerenti, anche se sono stati riportati i dati da una visura aggiornata al momento dell'invio della dichiarazione di successione,
(riporto il messaggio di scarto: " Per i seguenti immobili sono state riscontrate incoerenze con quanto presente in banca dati allo stato attuale")

grazie mille
Saluti
commento:   Cristiano Salvadorini, 20/02/2021 23:35:01  (ip:79.51.234.107)
Mio padre è deceduto e ha lasciato testamento (premetto che era vedovo e con due figli, io e mio fratello). Nel testamento ha lasciato tutto il suo patrimonio a me estromettendo completamente mio fratello che in sede di pubblicazione ha fatto acquiescenza alle volontà rinunciando all'azione di riduzione. Ora, in fase di dichiarazione di successione mio fratello deve essere indicato in qualche modo ? Deve essere comunque inserito nell'albero genealogico ? E la sua acquiescenza (che non è una rinuncia) va indicata in qualche modo ?

Grazie...
commento:   DANIELE LASCIALFARI, 14/02/2021 10:09:16  (ip:151.61.15.166)
HO EREDITATO UN APPARTAMENTO ED ALTRI COEREDI HANNO EREDITATO UN ALTRO APPARTAMENTO, INOLTRE CI SONO DEI DENARI AL 50%. HO FATTO REGISTRARE IL TESTAMENTO DAL NOTAIO E PER QUESTO HO PAGATO TUTTO IO, MA GLI ALTRI EREDI NON SI SONO PRESENTATI E NON FANNO NIENTE NEPPURE PER LA SUCCESSIONE. DEVO FARE DI NUOVO TUTTO IO E PAGARE TUTTO ANCHE LE LORO TASSE DI SUCCESSIONE PER L'APPARTAMENTO CHE EREDITANO? NON PRESENTANDOSI ENTRO 12 MESI COSA MI SUCCEDE? GRAZIE
commento:   DANIELE LASCIALFARI, 12/02/2021 19:42:27  (ip:151.61.15.166)
Ho ereditato (testamento pubblico)da una cara conoscente un appartamento, e l'altro appartamento è stato ereditato da lontanissimi parenti della defunta. questi non si sono presentati alla registrazione testamentaria nè in banca. Cosa occorre che io faccia per regolarizzare la successione. Devo pagare tutto, anche le tasse sull'appartamento che ereditano gli eredi dell'altro appartamento? Non vorrei arrivare a superare i 12 mesi di tempo per la regolarizzazione catastale e tributaria. Grazie
torna al menu del forum, vai a pagina: 1 2 3 4 5

il tuo messaggio

e-mail
firma