su Google

Discussioni generiche su Catasto

In questa sezione potete inserire quesiti vari riguardanti il Catasto, Visure catastali, Planimetrie, Volture, Accatastamenti, Estratti di mappa, Frazionamenti, Elaborati planimetrici, Superfici catastali, e altro ancora, esponete il vostro dubbio, un consulente proverà a chiarirlo entro breve tempo.

Il forum è aperto a tutti, anche nelle risposte, quindi chi si sente di risolvere il quesito, o solo per dare la propria opinione, anche se non fa parte della struttura, è ben accolto, date pure la vostra risposta in questo spazio.

webmaster

messaggi (803)

scrivi il tuo messaggio, vai a pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41

commento:   Stefano De Maio, 10/06/2020 08:44:31  (ip:217.175.54.61)
Buongiorno
una casa costituita da due unita immobiliari una A3 ed una A6, allo stato di fatto sono attigue comunicanti e solo dalle visure e planimetrie si evidenzia la suddivisione, non sono presenti difformita edilizie.
E' possibile unirle in un'unica particella tenuto conto che sono ricomprese nello stesso foglio.
Nel caso occorre un tecnico abilitato oppure è possibile eseguirlo direttamente presso l'Agenzia dal proprietario.
Grazie

commento:   Timo, 04/06/2020 05:36:29  (ip:37.182.10.157)
buongiorno,
ho comprato un magazzino accanto a mia casa in un borgo storico in Liguria che vorrei unire con la casa e cambiare la diestinazione d'uso del magazzino e usarlo come ingresso della casa. Posso accatastarlo come VESTIBOLO e proprio usare la termine vestibolo nei documenti catastali? Il mio tecnico mi dice che non si usa piu ma lo dobbiamo accatastare come ingresso o ripostilio etc. Comunque mi piacerebbe chiamarlo vestibolo se e possibile. saluti e grazie
commento:   CIRILLO FRANCESC O, 14/05/2020 10:12:43  (ip:151.73.21.247)
buon giorno ho realizzato un locale al primo piano " sul balcone esistente" di mt 1,50 per 1,20 h 2,90 ; quale locale contenitore della caldaia e utilizzare come ripostiglio, la struttura è realizzata in alluminio, presentando nuova scheda in Catasto con documento docfa per ampliamento della unità esistente annettendo il ripostiglio, mi è stato eccepito la mancanza di tipo mappale per tale ampliamento, --- perplessità per un ampliamento quasi impercettibile come si fà a rappresentare su mappa in scala 1:2000 ?
commento:   Rosella Zanotti , 06/03/2020 13:54:55  (ip:2.43.27.14)
Buongiorno vorrei cambiare la destinazione d’uso di un garage, è possibile accatastarlo come facente parte della stessa unità immobiliare?
commento:   Fiore Giuseppe, 03/03/2020 09:40:28  (ip:151.45.72.25)
Salve, in un mio appartamento vorrei eseguire una riduzione di un corridoi di circa 3 metri. E necessario eseguire una presentazione di variazione di pianta catastale? Si riduce i vani catastali? Eventualmente posso presentare io la variazione di pianta? Grazie
commento:   Mirco, 27/02/2020 19:53:09  (ip:95.244.185.235)
Salve a tutti,
Ho un quesito da porre, sto per acquistare un'immobile degli anni '70 circa, sul retro è presente una costruzione al grezzo C/2. L'immobile è un A/3, l'immobile A/3 è circa 300mq mentre il C/2 è circa 450mq. I due immobili presenta nella piantina catastale sia cantine che soffitte. Le visure catastali sono 2, una in A/3 dove sono riportate cantina e soffitta con access solo dall'interno, l'altra appunto in C/2 sempre con presenti nella piantina cantina e soffitta. in base questo io posso richiedere, essendo per me prima casa, che la C/2 venga considerata Pertinenza di A/3 in modo da non dover fare 2 atti notarili?
Grazie mille per l'attenzione e vi auguro buona serata.
commento:   PERRONE RENATO, 17/12/2019 16:53:18  (ip:151.33.132.156)
Buongiorno,il giorno 30/09/2019 ho fatto richiesta tramite Acli Service di Asti con una pec di una voltura catastale in seguito a Dichiarazione di successione all'ufficio del territorio fabbricati di Catanzaro a tutt'oggi non ancora volturata.Faccio presente che abbiamo fatto richiesta di sollecito circa 15 giorni fa' sempre tramite pec ma non abbiamo avuto nessun riscontro.Volevo sapere come mai è passato cosi' tanto tempo per adempiere questa pratica.
Le invio estremi della prima presentazione della Dichiarazione di successione:
Numero:282
Volume:9990
Data:28/08/2019
In attesa di un suo riscontro positivo,la saluto cordialmente.
commento:   Maria Angela, 14/12/2019 17:16:12  (ip:95.238.8.189)
Buonasera,
Volevo esporre un problema che mi sta causando perplessità.
Ho acquistato un immobile con magazzino accatastato c2, appartamento A2 e una mansarda c6. Dopo mesi dall’acquisto, arriva l ispezione catastale, in quanto l ex proprietaria dell immobile(mesi prima della vendita) aveva richiesto la variazione di categoria della mansarda da A2 a C6.
Adesso mi ritrovo ad avere problemi io acquirente e nuova proprietaria perché il catasto non accetta la variazione e quindi mi ritrovo con una mansarda come seconda casa. È mai possibile ciò? Io nell’atto di vendita ho la descrizione dell’immobile con la mansarda accatastata in categoria C6 e quindi come locale deposito privo di abitabilità.
commento:   Roberto, 16/11/2019 10:06:25  (ip:79.7.162.183)
Buon giorno.

Sull'argomento in oggetto, sto ricevendo pareri discordanti, a volte diametralmente opposti, quindi mi auguro possiate fare chiarezza

Premesso che:

Legenda

A = "materialmente" abitazione già vivibile formata da 3 piani (con al pian terreno, doppio garage, cantina, lavanderia, 1°p cucina, salotto, bagno, 2°p tre camere da letto, bagno + sottotetto) perfettamente comunicanti tra loro (senza che sia necessaria nessuna opera edile aggiuntiva) da un'ampia scala interna, "formalmente" al catasto due appartamenti distinti.

B = Casa rurale su due piani attualmente non vivibile, interamente da ristrutturare, non munita di impianto elettrico e di riscaldamento, senza bagno. Al piano terreno si trovano due ex stalle con tetto a volta che non credo rispettino le altezze minime, al primo piano, una stanzetta adibita a cucina (in pratica un acquaio e poco più) e tre stanze da letto

C = Casa adiacente dei vicini

D = Corte/Prato tra l'immobile A e B

E = Cancello in comune tra A e B, unico ingresso possibile per accedere a B (mentre A ha una porta d'ingresso aggiuntiva) e alla esclusiva corte che il muro esterno delimita


Ho due enormi dubbi da risolvere:

1) Pur essendo sullo stesso piano, pur avendo in comune sia una recinzione esterna muraria (che "isola" i due immobili) sia una corte interna, sia il cancello d'ingresso, in nessun modo A (di categoria A2) e B (di categoria A3) potrebbero essere considerati un unico complessivo abitativo e conseguentemente un'unica "prima casa" intestata al medesimo soggetto?


2) Premesso che sono escluse dalle agevolazioni prima casa le abitazioni di categoria catastale A1, A8, A9. Se i 3 piani che compongono A (di categoria A2) vengono al catasto unificati creando un immobile complessivamente superiore a 240mq (escludendo i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e il posto auto) solo per il mero fatto di aver superato tale soglia, A verrebbe considerata una abitazione di lusso e quindi esclusa dalle agevolazioni prima casa (pur rimanendo di fatto un immobile A2 e non A1,A8,A9)?


Grazie mille in anticipo a chi vorrà aiutarmi

Buona giornata

[img]https://i.ibb.co/cbYhW6V/Add-Text-11-15-07-23-55.jpg[/img]
commento:   Sergio Squeglia, 20/10/2019 14:38:50  (ip:95.251.158.26)
Vorrei introdurre un'annotazione di parte esplicativa in un atto catastale . Se e come è possibile farlo?Conviene farlo successivamente o contestualmente al Docfa?

Ringrazio tutti quanti mi aiuteranno
commento:   Nicoletta Gentili, 12/09/2019 17:16:44  (ip:77.89.23.74)
Salve, scusate la domanda. Se io conosco la via e un numero civico di un palazzo nel 1880, come posso sapere che numero civico ha ora, visto che la numerazione civica e' cambiata, per identificarlo?
commento:   antonio, 10/09/2019 15:57:39  (ip:82.57.48.122)
buon pomeriggio,
ho un sub che è accattastato al piano seminterrato, ma in realtà è al piano terra.Come posso variarlo? quale causale usare? premetto di aver fatto già una perizia giurata.
Saluti e grazie
commento:   Irene frega, 17/06/2019 19:09:09  (ip:5.90.228.101)
Buongiorno,
Vorrei vendere un locale commerciale sito in Salerno ereditato da mio padre (categoria C/2 Fgl. 62 part.49 sub.3) ma dal ventennio non risulta il passaggio di destinazione da cantina a locale commerciale. (Sia nella trascrizione che nell’ atto di proprietà risalente al 27/01/75 rep 121376 il locale è individuato come CANTINA)
L’assenza di questo passaggio formale può invalidare l’atto.
Come posso fare?
Grazie. IF
commento:   Luciana Tonesi, 29/05/2019 16:14:42  (ip:2.233.125.246)
Ho presentato in catasto DI bRESCIA il 10/05/2019 atraverso un geometro l'istanza per caricare planimetrie di una casa del 1965, il notaio vuole quelle rasterizzate il rogito saebbe piuttosto urgente mi potete dire i tempi di attesa. grazie

Luciana Tonesi

commento:   Valentina, 14/05/2019 12:35:42  (ip:62.101.121.215)
Buongiorno,
devo acquistare un appartamento sito a Milano, dalla visura storica risulta una "variazione degli spazi interni" fatta a maggio del 1987. abbiamo trovato copia della denuncia di variazione ma non troviamo la pratica comunale, secondo lei è possibile richiedere una copia in qualche ufficio abilitato?
commento:   anonymous, 15/04/2019 12:23:46  (ip:87.16.238.111)
Buongiorno,
i miei genitori hanno costruito ed accatastato nel 1977 la loro casa;
nel 1992 vengono fatte delle modifiche con relativo condono ( di cui mi ritrovo solo le ricevute dei versamenti e nessun altro documento);
al catasto risulta questa variazione con tanto di numero ed anno della variazione, e la planimetria catastale è esattamente identica allo stato attuale della casa.
Ora però il perito incaricato dalla banca per poter prendere un mutuo ci dice che la planimetria catastale è differente dalla planimetria comunale poiché non abbiamo più la pratica del condono con tutte le relative piantine di modifica.
C’è un modo per poter avere dal catasto la documentazione prodotta dal tecnico incaricato nel 1992?
Cosa altro si dovrebbe fare?
Grazie
commento:   Alessandro, 08/04/2019 20:46:07  (ip:2.40.119.172)
Buonasera, facendo le visure catastali mi è sorto un dubbio. Mia mamma negli anni 70 ha acquistato un terreno di 2200 mq nel quale ha edificato in seguito una casetta su una porzione di circa 100 mq. La casetta è stata accatastata è risulta correttamente nel catasto fabbricati. Cercando il terreno nel catasto terreni questo non risulta.
E' corretto che sia così? Grazie in anticipo per la risposta.
commento:   Catasto.it, 09/02/2019 11:01:19  (ip:194.243.52.172)
Spettabile Tizzy,

la rendita riportata in corrispondenza al rigo dell'unità immobiliare, fa riferimento solo al singolo sub o part.
commento:   Catasto.it, 09/02/2019 10:59:01  (ip:194.243.52.172)
Spettabile Marco,

per verificare il sub mancante sarebbe opportuno richiedere una visura Catastale storica
commento:   Catasto.it, 09/02/2019 10:57:56  (ip:194.243.52.172)
Spettabile anonymous,

è possibile che la zona richiesta non sia digitalizzata e dunque non richiedibile on line. Per maggiori informazioni le consigliamo di rivolgersi all'Ufficio provinciale competente.

il tuo messaggio

e-mail
firma