su Google

Discussioni generiche su Catasto

In questa sezione potete inserire quesiti vari riguardanti il Catasto, Visure catastali, Planimetrie, Volture, Accatastamenti, Estratti di mappa, Frazionamenti, Elaborati planimetrici, Superfici catastali, e altro ancora, esponete il vostro dubbio, un consulente proverà a chiarirlo entro breve tempo.

Il forum è aperto a tutti, anche nelle risposte, quindi chi si sente di risolvere il quesito, o solo per dare la propria opinione, anche se non fa parte della struttura, è ben accolto, date pure la vostra risposta in questo spazio.

webmaster

messaggi (845)

scrivi il tuo messaggio, vai a pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43

commento:   francesco, 03/07/2015 09:14:41  (ip:212.14.140.2)
buongiorno sto vendendo il mio appartamento e facendo una visura catastale a mio nome non risulta uno dei due posti auto che invece sia sul testamento che sulla successione risultano di mia proprietà. Nel 2012 mia sorella ha provveduto a fare una voltura catastale di cui ho copia e ricevuta per sistemare questa situazione ed altre legate alla successione, ma ieri con sorpresa facendo appunto questa visura il posto auto non risulta. in settimana mi recherò al catasto con tutte le copie della documentazione in mio posesso (prima successione, seconda successione, testamento e voltura 2012), che tipo di procedura devo richeidere?? un'altra voltura???? grazie
commento:   Roberta Benedetto , 30/06/2015 22:18:26  (ip:78.159.214.147)
Buonasera. Sto per acquistare da mio fratello il sottotetto a lui intestato (composto da alloggio monolocale e servizi) della villetta che ci è stata donata 15 anni fa. Come devo fare perché non diventi seconda casa? È soprattutto con che tempistica? Grazie
commento:   gino, 16/06/2015 15:57:02  (ip:151.74.72.39)
Salve,nel 2013 ho richiesto la variazione degli spazi interni del mio negozio, visto che non era tutto negozio come erratamente catastato. Nel 2014 l'ufficio del territorio mi manda l'avviso di accertamento che modificava la classe precedentemente attribuita, motivando tale verifiche ai sensi: dell'art.1 dM 701/94, d.lgs 514/48, dpr 1142/49, l. 154/88. Allora, essendo io il proprietario e tecnico medesimo, ho chiesto precisazioni sulle metodologie adottate per l'accertamento effettuato, specificando che gli aggiornamenti catastali sono stati prodotti in automatico attraverso i programmi informatici forniti dallo stesso ufficio del territorio, e chiedendo se tale provvedimento sia stato fatto anche su altri edifici dello stesso territorio, ipotizzando che ancor oggi non esiste una riforma sugli estimi catastali. La risposta del responsabile dell'ufficio è stata, a parer mio, grave, la quale in breve dice: la diminuzione della rendita era sproporzionata di circa il 45% rispetto alla precedente e per ovviare si è aumentata la classe da 3 a 4 con una riduzione del 34%. Nei termini previsti non ho fatto ricorso alla commissione tributaria anche perchè è solo tempo e denaro sprecato visto che un responsabile di questo ente mi ha un po' aperto gli occhi. Però, io vi chiedo: ci sono i presupposti per denunciare il responsabile dell'ufficio del territorio per l'abuso commesso?
commento:   Catasto.it, 09/06/2015 11:24:57  (ip:82.85.245.43)
Spettabile VALE,

la categoria adatta per questa attività è A/10, Uffici e studi privati.
commento:   Catasto.it, 09/06/2015 11:05:08  (ip:82.85.245.43)
Spettabile L.A.,

se la Planimetria non risulta meccanizzata e l'esito dell'accertamento ha dato esito negativo bisogna necessariamente incaricare un tecnico affinche proceda al rilievo dei luoghi e a presentare planimetria tramite procedura docfa
commento:   VALE, 08/06/2015 12:30:01  (ip:79.14.74.109)
Buongiorno, un ambulatorio veterinario (di piccole dimensioni <di 60m2) in quale categoria catastale rientra? C1?
commento:   L.A., 04/06/2015 18:24:10  (ip:79.55.155.242)
Salve, devo presentare una richiesta di mutuo ma ho bisogno della planimetria catastale. Purtroppo non è in possesso di chi vende e non risulta meccanizzata dal catasto. Inoltre, a detta della proprietaria che si è interessata per averne copia al catasto esiste un protocollo ma non si trova cartaceamente negli archivi. Come mi devo comportare? è davvero urgente...grazie mille...
commento:   Catasto.it, 30/05/2015 11:52:08  (ip:82.85.245.43)
Spettabile luca moroni,

foglio, particella e sub identificano un'unità immobiliare, allegare una Planimetria Catastale dimostra graficamente l'immobile e le permette di dichiarare la consistenza dell'intera unita'
commento:   PKWF3Z, 29/05/2015 21:28:35  (ip:2.226.58.123)
SALVEEE!!! VOlevo chiedervi... è stata fatta una variazione catastale di frazionamento di un piano primo in due unità abitative e fusione di una di esse con il piano inferiore, poichè per una serie di problemi deve essere riprinato come in origine, cosa posso fare ? devo rifare la variazione catastale ?
commento:   luca moroni, 27/05/2015 14:34:14  (ip:2.39.208.206)
buongiorno, io e la mia ragazza stiamo cercando una casa in affitto e abbiamo presentato domanda per un contributo concesso della regione toscana, la quale però a posto dei criteri per quanto riguarda la tipologia di immobile. uno di questi esclude dal contributo la locazione di porzione di immobile accatastato come unica unità.
la mia domanda è: un appartamento (di tre esistenti) ricavato da una vecchia colonica con ingresso e forniture energetiche indipendenti e identificato da un subalterno, è da considerarsi porzione di immobile, o è a tutti gli effetti un'unità immobiliare a sè stante?
quali sono le caratteristiche che mi consentono di distinguere una porzione di immobile da un'unica unità immobiliare?
grazie
commento:   Catasto.it, 18/05/2015 17:13:38  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Fabio Pietro,

per poter inserire gli immobili in successione deve prima procedere all'accatastamento.
Se l'immobile non risulta dichiarato in catasto non sarà possibile inserirlo in successione e quindi ereditarlo.
Le consigliamo di contattare un tecnico abilitato per una valutazione più dettagliata del caso.
commento:   Fabio Pietro, 14/05/2015 17:51:12  (ip:91.252.71.111)
Buongiorno, recentemente è mancata una mia parente e mi trovo ora alle prese con la successione ereditaria. Dalla visura catastale risultano terreni boschivi e da pascolo in un paesino di montagna. Non risulta la casa dove viveva. Si tratta di una casa semindipendente, sviluppata in altezza su 3 piani. L' anno di costruzione dovrebbe essere intorno al 1900. Si tratta cioè di una casa rustica, in buona parte da ristrutturare, ma dotata di allacciamenti acqua e elettricità.
Come devo procedere per ereditare questa casa? Va accatastata prima o dopo la successione? Vista l' età della casa, ritengo impossibile recuperare documenti di progetto e tantomeno di conformità urbanistica.
Cordiali saluti.
commento:   Catasto.it, 02/05/2015 12:16:44  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Sabrina,

se il fabbricato non viene individuato dalla visura per soggeTto ma viene individuato se si fa la visura del fabbricato è possibile che l'intestazione dell'edificio si errata e dunque il sistema non trova l'unita'.
Le consigliamo di verificare con attenzione l'intestazione catastale.
commento:   Mena Schiano, 20/04/2015 16:09:38  (ip:95.240.25.102)
Salve,
dovrei a breve consegnare una voltura per catasto urbano per successione (gli eredi sono madre e figlia unica). Dovendo passare in successione un immobile posseduto dal de cuius al 1000/1000 e un parte condominiale che possedeva al 0.86/1000, posso procedere con la voltura indicando che la quota delle rispettive eredi è di 1/2 ciascuna o devo fare due note indicando le percentuali esatte della successione?
La ringrazio
commento:   ROSSI GIORGIO, 01/04/2015 12:29:28  (ip:80.183.112.193)
Nel 1989 abbiamo acquistato con mio cognato parte di un fabbricato consistente sub. 10 e sub. 11 e procedendo alla ristrutturazione dell'abitazione senza accatastare il progetto da parte del Geometra. Adesso la planimetria risale alla vecchia proprietaria, possiamo procedere all'accatastamento delle due abitazioni distinte?
commento:   Giacomo Oliveri, 31/03/2015 13:01:05  (ip:79.7.71.148)
Oggetto: “inserimento nella classe minima” per l’abitazione
principale agibile e ubicata in zona alluvionata (dagli eventi atmosferici
verificatisi negli anni 2000 e 2014).




Leggendo on line siti di professionisti e forum di Geometri ed Architetti, che mi è stato impossibile trasmetterVi in allegato , all’ultimo rigo dell’elencazione di ciascuna classe degli immobili, compare la dicitura “ se ubicato in zona alluvionale sarà inserito nella classe minima”.
Tuttavia, visionando attentamente la normativa ministeriale a mia disposizione non trovo riscontro a tale affermazione.
Potreste fornirmi indicazioni in merito?
E più precisamente:
1) se l’abitazione principale ha subito gravi danni (a suo tempo accertati e riparati) a causa delle alluvioni, il proprietario ha, aut non, diritto a produrre istanza di revisione tributaria chiedendo che la predetta unità immobiliare, sita in zona alluvionale, venga inserita nella classe minima?
2) in caso affermativo:
a) in base a quale Legge,
b) a quale Ufficio dovrebbe presentare l’istanza,
c) quale documentazione coeva dovrà produrre?

Ringrazio sentitamente ed in attesa di un cortese urgente riscontro
porgo distinti saluti.
commento:   Giacomo Oliveri, 30/03/2015 20:13:18  (ip:79.7.71.148)
Oggetto: “inserimento nella classe minima” per l’abitazione
principale agibile e ubicata in zona alluvionata (dagli eventi atmosferici
verificatisi negli anni 2000 e 2014).




Leggendo on line siti di professionisti e forum di Geometri ed Architetti, che mi è stato impossibile trasmetterVi in allegato , all’ultimo rigo dell’elencazione di ciascuna classe degli immobili, compare la dicitura “ se ubicato in zona alluvionale sarà inserito nella classe minima”.
Tuttavia, visionando attentamente la normativa ministeriale a mia disposizione non trovo riscontro a tale affermazione.
Potreste fornirmi indicazioni in merito?
E più precisamente:
1) se l’abitazione principale ha subito gravi danni (a suo tempo accertati e riparati) a causa delle alluvioni, il proprietario ha, aut non, diritto a produrre istanza di revisione tributaria chiedendo che la predetta unità immobiliare, sita in zona alluvionale, venga inserita nella classe minima?
2) in caso affermativo:
a) in base a quale Legge,
b) a quale Ufficio dovrebbe presentare l’istanza,
c) quale documentazione coeva dovrà produrre?

Ringrazio sentitamente ed in attesa di un cortese urgente riscontro
porgo distinti saluti.
commento:   Chicco Sanna, 17/03/2015 12:08:10  (ip:85.20.88.10)
Buongiorno,
Sono proprietario di due appartamenti adiacenti situati, nel comune di Milano, nello stesso stabile ma su due scale distinte. Volevo sapere se esistano dei vincoli qualora volessi aprire una porta per renderli comunicanti. In questo caso le due unità potrebbero rimanere, da un punto di vista catastale, indipendenti o andrebbero a costituire una singola unità abitativa?

grazie
commento:   Chiara Spadetti, 12/03/2015 09:23:57  (ip:158.102.162.8)
Nel richiedere una planimetria catastale, necessaria per la vendita di un immobile ereditato, mi è stato detto telefonicamente che neanche procedendo con una formale richiesta di accesso agli atti potrei averne copia (ma solo visione)in quanto il cartaceo presenta una correzione a matita che ne invalida l'autenticità. Dovrei pertanto rivolgermi ad un professionista e incaricarlo di disegnare nuovamente la planimetria (non so a quali costi), che immagino poi di dover depositare a catasto.
Dal momento che già la ricerca della planimetria originale ha richiesto diverse settimane, questo ulteriore intoppo rischia di farmi perdere l'acquirente: possibile che la correzione a matita rilevata determini tali e tanti problemi?
commento:   Salvatore Puggioni, 09/03/2015 15:58:25  (ip:188.217.44.234)
Devo dividere un bene comune non censibile ricavare due parti, di cui una corte interna F1 da attribuire a un sub e l'altro BCNC per gli altri sub. L'immobile è di un'unica proprietà.Si può fare in un'unica pratica? O bisogna fare più pratiche come mi è stato detto?

il tuo messaggio

e-mail
firma