su Google

Discussioni generiche su Catasto

In questa sezione potete inserire quesiti vari riguardanti il Catasto, Visure catastali, Planimetrie, Volture, Accatastamenti, Estratti di mappa, Frazionamenti, Elaborati planimetrici, Superfici catastali, e altro ancora, esponete il vostro dubbio, un consulente proverà a chiarirlo entro breve tempo.

Il forum è aperto a tutti, anche nelle risposte, quindi chi si sente di risolvere il quesito, o solo per dare la propria opinione, anche se non fa parte della struttura, è ben accolto, date pure la vostra risposta in questo spazio.

webmaster

messaggi (845)

scrivi il tuo messaggio, vai a pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43

commento:   antonello adriana, 25/09/2014 19:08:24  (ip:79.17.0.95)
come faccio ad ottenere copia di una divisione immobiliare effettuata in data 1975 a roma. Chi può richiederla alla conservatoria immobiliare?
. Ho tutti i riferimenti : n. repertorio, n.fascicolo e data di stipula, oltre al n. e il volume della registrazione effettuata nel 1976.
Ringrazio
commento:   Carlo, 22/09/2014 16:24:19  (ip:217.76.214.20)
Nel 2013 ho eseguito opere interne in fabb. di civile abitazione presentando una scia in Comune.
Le opere murarie sono terminate.
Mi rimangono opere minori per le quali presenterò in Comune una richiesta di proroga della scia di altri due anni (per usufruire delle detrazioni).
Devo presentare l'accatastamento ora o aspettare la fine lavori totale?
Posso avere riferimenti normativi?
commento:   merlo paolo, 22/09/2014 11:21:30  (ip:2.36.202.107)
a confine della mia proprieta scorre un rio, nei fogli catastali è definito come acque private, con la riga tratteggia a centro rio,gli argini sono costituiti da terra ed alberi a monte e da muri in calcestruzzo nella mia proprieta,i sedimenti depositati nell'alveo del rio sono rilasciati ovviamente dalla parte a monte della mia proprietà.
domanda: cosa significa la dicitura del foglio mappale?sono proprietario del rio, posso utilizzare l'acqua, il rio è una sorta di condominio dove tutti i confinanti sono propietari pro-quota. grazie
commento:   Oscar, 21/09/2014 17:50:47  (ip:193.108.204.246)
Buongiorno, durante le fasi preliminari di acquisto ci siamo accorti che la piantina catastale differiva dal reale dell'appartamento per una variazione in corso di costruzione del palazzo (anni 68-70).Il notaio ha provveduto alla sistemazione degl'atti. Dopo quasi un anno mi sono visto ricalcolare la rendita catastale con un incremento di circa 200€ (circa 18%). Considerando che i metri quadri dell'appartamento sono rimasti identici, la categoria è rimasta A/2 a che cosa è dovuta la variazione della classe? grazie Cordiali Saluti
commento:   paola, 18/09/2014 11:44:59  (ip:87.15.31.27)
Buongiorno, ho ricevuto in eredità da una lontana zia un immobile unifamiliare. Tanti anni fa al Piano Terra c'era una attività commerciale. Dalla visura catastale che ho richiesto risulta che l'immobile ricade però interamente nella categoria A/3, pertanto presumo che la zia abbia fatto, dopo la chiusura dell'attività, un cambio di destinazione d'uso.
Essendo quindi un fabbricato ad uso abitativo, posso destinare quel locale (che un tempo era un bar) ad autorimessa? e se sì quali comunicazioni devo fare? e a chi?
Inoltre, dovrei richiedere una planimetria dove sono specificate le destinazioni dei vari locali con relativi mq. potrei sapere come si chiama questo tipo di documento e a chi richiederlo? Grazie in anticipo.
commento:   Alessandro Margelli, 17/09/2014 16:51:30  (ip:2.192.81.35)
Salve, nel gennaio 2012 tramite regolare atto di comprevendita , io, mia moglie, mia figlia e mio genero, abbiamo acquistata una casa singola in campagna dove siamo tornati ad abitare io e mia moglie al piano terra e mia figlia mio genero e due nipotini, al primo piano.
La casa è per tutti noi la prima ed unica abitazione pertanto abbiamo usufruito degli sconti fiscali riservati a tale tipologia, la casa era accatastata come abitazione rurale ma ci è stato contestato che dopo alcuni lavori effettuati per renderla fruibile a due singole famiglie, la stessa diveniva civile abitazione e rivalutata in tal senso per cui abbiamo pagata una multa e relativi arretrati.
Adesso, a distanza di oltre due anni, ci è arrivato un verbale con multa di migliaia di euro che ci contesta il fatto che la casa, essendo in totale 256 metri quadri, rientra nelle "abitazioni di lusso " e pertanto non soggetta a detrazioni come prima casa !
Siamo sconcertati e anche disperati per l'entità della multa e non sappiamo davvero dove sbattere il capo, possibile che noi, che abbiamo investito in questa casa assolutamente modesta sia come vetustà che come strutture e finiture, dobbiamo subire tale danno e beffa ?
Nessuno, nè il geometra che ci ha seguiti i lavori, nè il notaio che ha provveduto a fare l'atto, ha responsabilità in merito ?
Nessuno ci ha detto che se è vero che una casa per il solo fatto di superare 250 metri quadri, anche se abitata da due singole famiglie, diviene "di lusso" allora sarebbe stato opportuno fare un accatastamento distinto in due singoli appartamenti !

Grazie per una risposta che chiarisca una situazione davvero incredibile e per noi da incubo !

Alessandro
commento:   Immobiliare sal srl, 17/09/2014 14:19:51  (ip:93.41.229.16)
Buonasera,
dobbiamo affittare un locale accatastato A/2.
dalle ns. informazioni risulta che si può affittare solo a studi professionali.
Chiediamo conferma di questo.
grazie
Salui
commento:   colombo gabriele, 16/09/2014 21:35:59  (ip:87.15.11.49)
Buonasera, Vi sottopongo il mio quesito nella speranza di ricevere info in merito,
durante ultima assemblea condominiale si è deliberato di vendere una cantina condominiale a me e ad un altro condomino che ne siamo sprovvisti, l'amminiastratore ci ha detto di informarci sulle varie procedure da effettuare entro ottobre quando ci sarà un'assemblea straordinaria per definire il tutto, in quanto la cantina andrà divisa in due il tutto spese comprese a carico di noi acquirenti. Mi sapreste indicare il modus operandi per effettuare questa operazione? Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.
Colombo Gabriele, Giussano MB.
commento:   catasto.it, 15/09/2014 17:54:01  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Nicola Cargasacchi,

al catasto si registrano solo le modifiche già realizzate incaricando un tecnico abilitato
commento:   catasto.it, 15/09/2014 17:52:20  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Matteo,

Si, è obbligato ad seguire la variazione catastale
commento:   catasto.it, 15/09/2014 17:51:24  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Matteo,

la categoria corretta da attribuire è la C3
commento:   catasto.it, 15/09/2014 17:50:35  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Damiano,

si è necessario presentare la Planimetria catastale con la nuova distribuzione interna.
commento:   catasto.it, 15/09/2014 17:49:21  (ip:82.85.245.43)
Spettabile g. ferrazza,

la categoria catastale D2 è corretta in quanto comprende Alberghi e pensioni (con fine di lucro).
commento:   catasto.it, 15/09/2014 17:45:34  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Elisabetta,

deve procedere con il frazionamento dell'alloggio, eseguire l'Atto notarile in modo da allineare le ditte catastali e successivamente accorpare le 2 unità con la medesima intestazione.
commento:   Nicola Cargasacchi, 08/09/2014 08:20:05  (ip:212.243.72.167)
Buongiorno, è possibile registrare al catasto una modifica planimetrica accordata tramite compromesso dal geometra senza passare dal notaio?
commento:   matteo, 04/09/2014 14:02:31  (ip:94.33.47.2)
Salve, ho un quesito da sottoporre.
Un cliente haun immobile in cui sono stati fatti alcuni abusi prima del 1985 già condonati. In occasione del condono non è mai stata presentata però la variazione catastale che comprendeva tra le altre cose la realizzazione di una veranda. La sanzione è prescritta...ma il cliente mi chiede se è comunque obbligato a fare oggi la variazione al catasto? Qualcuno può aiutarmi?
Grazie
commento:   Matteo, 03/09/2014 10:31:25  (ip:188.125.102.148)
Buongiorno,
vorrei avere un parere. Io devo censire al catasto fabbricati un nuovo fabbricato, dove l'unica lavorazione è quella del taglio del legname grezzo e della vendita dello stesso. Il fabbricato è costruito da un magazzino, oltre ad un piccolo ufficio e locali accessori.
Sono indeciso se censirlo in categoria C/2 o C/3. D/1 mi sembra invece inappropriata.
grazia
commento:   Damiano, 03/09/2014 09:55:56  (ip:160.83.30.178)
Buongiorno,

il vicino di casa dei miei genitori vuole abbattere il muro separante sala e cucina e ha chiesto a me, in quanto ingegnere, se sia necessaria qualche autorizzazione e/o modifica catastale.
Essendo io un ingegnere gestionale non ho le competenze per rispondere. Potete aiutarmi?
Grazie

D.
commento:   g. ferrazza, 02/09/2014 19:30:46  (ip:93.45.209.92)
E'possibile che, in seguito a lavori di ristrutturazione, regolarmente richiesti e autorizzati, di un appartamento di Roma classificato A2, per cui si chiede l'abilitazione a esercitare l'attività di affittacamere, composto di sole 5 camere con bagno e un angolo cottura, sia d'ufficio classificato D2 ? Grazie.
commento:   Elisabetta, 02/09/2014 11:22:40  (ip:151.32.241.133)
buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento circa la mia situazione. sono proprietaria a metà di due alloggi vicini A e B, ma l'altra metà di A è di mio marito e l'altra metà di B è di mio fratello.
Abbiamo redatto una scia per ristrutturare i due alloggi e per togliere una camera da A per aggregarla a B. Come funziona per la variazione catastale?immagino che debba prima frazionare l'alloggio A in due parti A1 e A2 e poi fondere A2 con B. Ma posso fondere A2 e B se A risulta ancora mio e di mio marito, mentre B è mio e di mio fratello? come dovrei procedere?
Grazie

il tuo messaggio

e-mail
firma