su Google

Discussioni generiche su Catasto

In questa sezione potete inserire quesiti vari riguardanti il Catasto, Visure catastali, Planimetrie, Volture, Accatastamenti, Estratti di mappa, Frazionamenti, Elaborati planimetrici, Superfici catastali, e altro ancora, esponete il vostro dubbio, un consulente proverà a chiarirlo entro breve tempo.

Il forum è aperto a tutti, anche nelle risposte, quindi chi si sente di risolvere il quesito, o solo per dare la propria opinione, anche se non fa parte della struttura, è ben accolto, date pure la vostra risposta in questo spazio.

webmaster

messaggi (845)

scrivi il tuo messaggio, vai a pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43

commento:   Graziella Rusca, 13/02/2012 08:56:21  (ip:193.206.20.195)
E' obbligatorio depositare al catasto la planimetria post-operam di un appartamento in cui è stata fatta una ristrutturazione interna (che però non ha portato sostanziali modifiche alla suddivisione degli ambienti)? Se sì, come si deve fare? Quanto costa? Grazie e distinti saluti. G.R. (Roma)
commento:   Francesco Mezzullo, 11/02/2012 15:41:29  (ip:82.57.166.68)
Si è co-ereditato un locale commerciale cat C/1 di 62 metri quadri con due ingressi indipendenti.
Si vorrebbe dividerlo in due locali commerciali uguali sempre cat. C/1 da destinare ai due eredi.
Qual'è l'iter burocratico per fare ciò ed i costi relativi per riaccatastare i due locali risultanti?
commento:   Catasto.it, 10/02/2012 12:56:52  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Samanta,
direi di fare al contrario, prima veda con il comune, poi avrà le idee più chiare per denunciare eventualmente al catasto.
Facendo solo la catastazione non si regolarizza un immobile.
commento:   Catasto.it, 10/02/2012 12:50:12  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Stefano Volta,
Dal punto di vista catastale non è possibile unificarli, almeno che facciate un atto notarile per unificare le quote di possesso, tutto a uno o metà ciascuno di tutto, ma non so se vi conviene.
Invece dovreste poter chiarire la situazione con l'ufficio ICI e il vostro commercialista, con una dichiarazione, dovreste poter dichiarare che trattasi di un solo appartamento, non unificabile al catasto perchè la ditta intestataria ha quote di possesso diverse.
commento:   flavia disne, 10/02/2012 10:10:09  (ip:95.247.187.76)
Vorrei sapere, per cortesia, come si effettua una voltura dell'intestario sulla planimetria catastale di un immobile e, come si varia la categoria catastale di un immobile (da cantina a gargage), chi è abilitato ad effettuare la variazione, quali documenti deve fornire e quanto costa il servizio.
Grazie, cordiali saluti.
commento:   samanta, 09/02/2012 20:17:07  (ip:2.34.31.236)
buonasera, quindi posso comunque depositare la cartina corretta e poi rivolgermi all'ufficio tecnico del comune? grazie
commento:   stefano volta, 08/02/2012 08:57:12  (ip:194.149.232.84)
Io e mia madre possediamo due appartamentini contigui, da molti anni materialmente unificati in un’ unica unita’ abitativa da lei occupata interamente.
La situazione non e’ mai stata catastalmete regolarizzata.
La proprieta’ delle due unita’ e’ diversa, derivando anche da successione:
uno ¾ ed ¼
l’altro ½ e ½
Volendo regolarizzare la situazione, per avere la possibilita’ di applicare la tassazione prima casa su tutto l’appartamento, come occorre procedere?

commento:   Catasto.it, 07/02/2012 19:28:55  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Samanta Todaro,
la percentuale di soppalco non riguarda il catasto, al catasto si denuncia quello che c'è realizzato.
Il suo problema è urbanistico, quindi del regolamento comunale. Può chiedere all'ufficio tecnico del comune se è possibile applicare qualche articolo di legge per condonarlo, ad esempio art. 12 dell Legge 47/85 o altro!
commento:   Catasto.it, 07/02/2012 19:23:45  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Lorena Tommesani,
dal punto di vista catastale ci sono solo 50€ di imposte, la pratica va però fatta da un tecnico, quindi ci sarà la sua parcella.
Oltre a questo lei deve valutare soprattutto il cambio della rendita catastale e quindi delle tasse.
commento:   samanta todaro, 06/02/2012 12:37:08  (ip:195.81.3.249)
buongiorno,

il geometra che mi sta seguendo mi ha detto che il soppalco non può superare il 50% della superficie sottostante e invece nel mio caso la supera. lui sostiene che l'unica soluzione è rimuovere il pezzo di allungamento. purtroppo mi risulta impossibile, questo significherebbe sventrare la casa! l'idea oltretutto non è nemmeno stata mia l'idea ma del costruttore, se era fuori legge perchè l'ha fatto? sono davvero preoccupata. potreste dirmi se devo davvero sventrare la casa o c'è un modo per riparare al danno generato dal costruttore stesso??? grazie
commento:   lorena tommesani, 02/02/2012 22:27:03  (ip:95.75.182.6)
Gentilmente,


cosa costa il cambio di destinazione d'uso da C/3 a C/1, quindi da laboratorio alimentare per tornare ad uso negozio,
zona cens. 1- classe 7- consistenza 23 mq

Pongo la domanda per valutare la possibilità di concedere al locatario attuale il permesso di cambiare la destinazione d'uso in essere.

Grazie e distinti saluti.

lorena
commento:   Catasto.it, 01/02/2012 19:15:37  (ip:82.85.245.43)
Septtabile Rita Vergnano,
la categoria catastale a cui si riferisce, dovrebbe essere:

B/5 Scuole e laboratori scientifici
commento:   Rita Vergnano, 31/01/2012 21:14:15  (ip:84.223.103.236)
Buon giorno,
avrei bisogno di sapere come viene accatastato un immobile (A/3) che è stato ristrutturato ed adibito a baby parking. A me risulta che la categoria catastale non cambia, in quanto esiste la possibilità di fare bay parking anche all'interno di condomini.
commento:   Catasto.it, 31/01/2012 17:26:42  (ip:82.85.245.43)
Spettabile utente di Roma,
le procedure per cedere una porzione di appartamento al vicino devono tenere conto sia della parte urbanistica, controllando con l'ufficio tecnico comunale se i lavori richiedono autorizzazione, comunicazione o altro.
Eseguire il frazionamento al catasto, stipulare l'atto di compravendita, eseguire i lavori e alla fine eseguire la fusione con il secondo appartamento.
Tutte le spese fino a prima della realizzazione delle opere, spettano al primo proprietario, appartamento (A), la realizzazione delle opere è da concordare o comunque da dividere, la fusione al secondo proprietario, appartamento (B).
commento:   RNS3XK, 30/01/2012 18:35:52  (ip:151.28.142.184)
Roma 27 gennaio 2012
il proprietario dell'appartamento (A) vuole vendere una stanza al proprietario dell'appartamento (B) con lui confinante.
Qual'è la procedura CRONOLOGICAMENTE corretta da seguire rispetto all'ufficio TECNICO ,AL CATASTO ed infine al NOTAIO?
Inoltre chi deve attuare la procedura?solo il proprietario dell'appartamnto A? o entrambi ?
resto in attesa
grazie
commento:   Catasto.it, 29/01/2012 12:24:41  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Andrea,
il problema non è tanto catastale, ma urbanistico/sanitario.
se in questi due locali si svolge una sola attività, devono essere fusi catastalmente e creare una sola bottega. Tranne che siano di proprietà diverse.
Quindi se al comune e dal sanitario è tutto a posto, al catasto vanno unificate, tranne che le proprietà siano identiche.
commento:   Catasto.it, 28/01/2012 21:07:52  (ip:2.158.72.1)
Spettabile Samanta,
Deve incaricare un geometra che le presenti la variazione catastale da in corso di costruzione a ultimato.
Se dichiara che le opere sono state ultimate entro gli ultimi 30 giorni, non incorre a sanzioni.
commento:   Catasto.it, 28/01/2012 21:02:50  (ip:2.158.72.1)
Spettabile Cristina,
per prima cosa deve richiedere una visura e planimetria catastale, per controllare se le due unità ha sub diversi o meno. Controlli anche l'atto di proprietà cosa riporta.
Con i documenti catastali e l'atto di proprietà, può recarsi all'ufficio urbanistica del comune e controllare se nella concessione edilizia siano vincolati oppure no.
commento:   Catasto.it, 28/01/2012 20:50:23  (ip:2.158.72.1)
Spettabile Aimaro Renzo,
collegandosi al sito www.Catasto.it dal menu laterale può selezionare e richiedere il servizio "Rettifica catastale", dei professionisti si occuperanno di rettificare il suo codice fiscale.
commento:   Catasto.it, 28/01/2012 20:45:01  (ip:2.158.72.1)
Spettabile Ing. Simonetta MURA,
Nessun problema se il fabbricato viene dichieato al catasto in ditta al genitore.

il tuo messaggio

e-mail
firma