su Google

Discussioni generiche su Catasto

In questa sezione potete inserire quesiti vari riguardanti il Catasto, Visure catastali, Planimetrie, Volture, Accatastamenti, Estratti di mappa, Frazionamenti, Elaborati planimetrici, Superfici catastali, e altro ancora, esponete il vostro dubbio, un consulente proverà a chiarirlo entro breve tempo.

Il forum è aperto a tutti, anche nelle risposte, quindi chi si sente di risolvere il quesito, o solo per dare la propria opinione, anche se non fa parte della struttura, è ben accolto, date pure la vostra risposta in questo spazio.

webmaster

messaggi (845)

scrivi il tuo messaggio, vai a pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43

commento:   maria, 30/11/2011 11:28:49  (ip:95.250.55.12)
buongiorno sono maria dopo aver letto la vostra risposta riguardo la voltura delle visure catastali mi sono recata dal notaio facendo la dichiarazione con firma autentica mia e dei miei figli ma il geometra a cui ho dato l'incarico mi dice che il catasto chiede il numero di trascrizione,che cosa devo fare
commento:   GIOIA STEFANIA, 29/11/2011 17:52:42  (ip:95.242.219.129)
Buonasera,
spero di avere da voi una risposta certa in quanto girando tra i vari articoli in inernet non sono arrivata a nulla di concreto. Ho ristrutturato casa 10 anni fa, precedentemnte l'alloggio presentava uno sgabuzzino, un cucinino e un tinello (presumo) ora è tutto un unico ambiente. Devo fare le variazioni catastali anche se oggettivamente non ho abbattuto tramezzi che delimitavano ambienti (quindi presumo camere)ma uno sgabuzzino (che di ambiente ha ben poco) e un cucinino che continua ad avere la sua funzione di cucina solo in un unico ambiente. Se devo fare le dovute pratiche le faccio ma prima di affidarmi ad un tecnico che mi prenda soldi per fare il tutto senza che questi sia realmente necessario prferirei che voste voi a dirmi esattamente come stanno le cose. Grazie
commento:   Catasto.it, 25/11/2011 11:49:54  (ip:94.166.221.14)
Spettabile Giorgio Mancino,
a seguito di variazioni di un immobile, entro 30 giorni dalla dichiarazione di ultimazione lavori, il proprietario deve presentare una pratica denominata "Pratica DOCFA" compilata e sottoscritta da tecnico abilitato iscritto a ordine professionale.
Per capire qualcosa può vedere in questa pagina http://www.agenziadelterritorio.it/docfa.html ma comunque è la pratica che deve fare un tencnico.
commento:   Giorgio Mancino, 22/11/2011 18:21:55  (ip:82.63.239.64)
Buongiorno,
ho effetuato dei lavori di manutenzione e ristrutturazione del mio
appartamento e devo fare il nuovo accatastamento.
Ho tutti i documenti pronti, planimetrie ante operam e planimetrie post
operam fatte da professionista abilitato che ha anche seguito i lavori.
Vorrei ricevere informazioni su come devo procedere per il nuovo
accatastamento
Grazie.
Giorgio Mancino
commento:   Catasto.it, 17/11/2011 20:55:49  (ip:82.85.245.43)
Spettabile M.Luisa Magliocca,
può chiedere la planimetria catastale on line dal sito www.catasto.it ma non troverà la planimetria della rete fognante.
Se desidera gli indirizzi del catasto di roma veda qui: http://www.conservatoria.it/roma.html
commento:   Catasto.it, 17/11/2011 20:50:41  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Paolo,
per la scia e la pratica di accatastamento dipende da tecnico che dovrà incaricare, le consigliamo di farsi fare anche più di un preventivo, noi le possiamo solo dire che al catasto le spese sono di € 50,00.
commento:   Catasto.it, 17/11/2011 20:47:21  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Sabrina Levada,
a parte il fatto che a lei, dovrebbe essere già pervenuta una quota legittima dalla successione di suo padre.
A ogni modo adesso non deve fare nulla, più in la presenterà la successione di sua madre, per quota legittima, senza bisogno di testamento.
commento:   M.Luisa Magliocca, 15/11/2011 13:54:01  (ip:62.77.56.11)
Buongiorno, vorrei sapere come devo fare per richiedere la mappa catastale della mia abitazione comprensiva della rete fognante, dove si trova l'ufficio competente per il comune di cerveteri (RM) e se le richieste possono essere fatte anche tramite internet.
grazie
commento:   paolo, 13/11/2011 18:07:58  (ip:2.37.126.0)
Salve..devo far costruire un soppalco in legno di circa 15metri quadrati nel mio appartamento (prima casa.avrei bisogno di sapere quali sono le spese per le pratiche burocratiche..cioè di richiesta scia al comune e di accatastamento..cioè modificare quello attuale con quello nuovo con l'aggiunta del soppalco...grazie,Paolo
commento:   sabrina levada, 13/11/2011 10:37:08  (ip:93.33.106.84)
Gent.mi!
Quale proceduta devo adottare dal momento che in qualità di figlia unica mia madre possiede un appartamento lasciatole da mia padre 10 anni fa (anno in cui è deceduto)?
Mi spiego: mamma non è stata bene recentemente e mi ha scritto un lascito di suo pugno con cui lascia a me l'appartamento previo accordo che vi rimarrà fino alla fine dei suoi giorni. Una forma di iniziale tutela dei suoi interessi visto che a volte stanca minacciava di volersene andare, vendendo tutto e con le persone che la circondano essendo sola, ed io a 500 km di distanza, ovvia cosa io non possa essere tranquilla.
commento:   Catasto.it, 10/11/2011 09:54:00  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Sergio Bernardini,
al catasto, conservatoria o ufficio successione, come in genere, per prescrizione si intende, la non applicabilità della mora per presentazione tardiva, poiché lo stato non ha eseguito gli accertamenti entro i famosi 5 anni, 6 mesi e 1 giorno.
commento:   Catasto.it, 10/11/2011 09:49:02  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Nicoletta Rondinella,
la procedura di frazionamento di unità immobiliare tramite procedura DOCFA va eseguita e presentata da un tecnico libero professionista, il quale ha di bisogno che il proprietario gli fornisca una copia del titolo di proprietà.
L'iter è il seguente:
1. Presentazione della pratica urbanistica presso il comune.
2. Esecuzione dei lavori.
3. Presentazione del frazionamento DOCFA al catasto entro 30 giorni dall'ultimazione dei lavori.
commento:   Catasto.it, 10/11/2011 09:41:06  (ip:82.85.245.43)
Spettabile VB,
se trattasi di unità collabente significa che la particella catastale è già al catasto fabbricati, quindi non occorre fare il tipo mappale, perchè li le spese sarebbero state € 109,00.
Ma trattandosi solo di variazione da unità collabende a unità ultimata (abitazione, deposito o altro) le tasse erariali sono di € 50,00 per unità immobiliare, quindi se la sua è una sola unità immobiliare sono in tutto € 50,00.
commento:   daniela estrafallaces, 09/11/2011 09:13:21  (ip:89.97.235.4)
abbiamo presentato la scorsa settimana la dichiarazione di successione per tre immobili, per registrare la voltura la catasto quali documenti servono? qual'è il modulo? nel sito del catasto del comune di Roma in via Rizzieri c'è indicato come orario di apertura anche il pomeriggio, invece ieri pomeriggio era chiuso e sarà sempre chiuso nel pomeriggio....un bel disagio
commento:   sergio bernardini, 09/11/2011 06:34:34  (ip:82.49.189.105)
Buongiorno,

mi potete spiegare esattamente cosa si intende con "prescrizione"?

Grazie
commento:   Nicoletta Rondinella, 08/11/2011 12:39:51  (ip:151.77.216.205)
Buongiorno, vorrei sapere che documentazione occorre per dividere un unico appartamento in due unità indipendenti (dovendoci abitare in una e affittare l'altra)
La documentazione necessaria va prodotta prima o dopo la dichiarazione di inizio attività?
grazie
Nicoletta
commento:   Catasto.it, 07/11/2011 17:39:17  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Sergio Bernardini,
la catastazione è obbligatoria e va fatta entro 30 giorni dall'ultimazione dei lavori.
La sua è scaduta, per cui dovrebbe pagare una piccola mora, ma dopo cinque anni sei mesi ed un giorno va in prescrizione, quindi è nel limite.
Per fare la variazione deve incaricare un tecnico, che farà la nuova planimetria catastale e aggiornerà quella presente in catasto con una pratica denominata DOCFA.
commento:   Catasto.it, 07/11/2011 17:30:24  (ip:82.85.245.43)
Spettabile Stefano,
Per avere la certezza che un soggetto sia proprietario di un immobile, deve eseguire una "Ispezione in Conservatoria", può farla anche online sul nostro sito www.Catasto.it, dal menu a sinistra, sotto Conservatoria trova il servizio "ispezione ipotecaria", deve farla sul soggetto, riceverà un elenco delle formalità, che sarebbe un elenco delle operazioni eseguite dal e sul soggetto, e le note di trascrizione, iscrizioni e annotazioni, tra le note di trascrizione a favore troverà il titolo di acquisto, che può essere l'atto notarile, la successione o altro. Mentre se trova anche una nota di trascrizione contro, dove nei riferimenti catastali sono indicati i dati dell'immobile interessato, vuol dire che è stato ceduto, trova anche il nominativo che lo ha ricevuto.
Ulteriori chiarimenti può trovarli qui: http://www.conservatoria.it/ispezioni-conservatoria.html
commento:   VB, 07/11/2011 11:27:31  (ip:57.78.65.134)
Buongiorno,


sono proprietaria insieme a mio marito di un rudere sito nel comune di San MArcello (AN) attualmente accatastato come unita' collabente. Nel momento in cui sara' ristrutturato dovro' accatastarlo all'urbano posso avere un'idea del costo della procedura (senza contare le spese del professionista che si occupera' della pratica)?
commento:   stefano, 06/11/2011 17:27:20  (ip:93.32.172.43)
dalla visura catastale risulta proprietario il signor X.
Per avere la certezza che sia lui l'effettivo proprietario, cosa devo fare?

cerco presso conservatoria? ma che tipo di atto devo richiedere per avere dettagli precisi sull'ultimo proprietario registrato?

grazie

il tuo messaggio

e-mail
firma